Scorri verso il basso

Programma di ispezioni delle fabbriche

Come altri Paesi a basso o medio reddito, il Bangladesh deve confrontarsi con numerose problematiche quando si tratta di edilizia. Le città sono densamente popolate, la disponibilità di terreno edificabile è ridotta ed è difficile reperire i materiali edili appropriati e gli ingegneri strutturali necessari. Numerose parti del Paese non superano i 6 metri sopra il livello del mare, il che comporta una maggior possibilità di esondazione dei numerosi fiumi e corsi d’acqua.

Prima del crollo del Rana Plaza, avvenuto nel 2013, la responsabilità delle verifiche dell’idoneità strutturale degli edifici ricadeva sui proprietari delle fabbriche. Non rientrava, dunque, nell’ambito dell’ispezione formale eseguita da brand e retailer su infrastrutture e fornitori.

In seguito al disastro, Primark ha collaborato con altri marchi, sindacati e ONG in Bangladesh sottoscrivendo l’Accordo sulla Sicurezza negli edifici e la Prevenzione degli incendi, al fine di migliorare l’integrità strutturale delle fabbriche. Ha inoltre implementato un proprio programma di ispezione degli edifici per valutare lo stato delle fabbriche e fornire consulenza tecnica per apportare le azioni correttive, ove necessario. 

Sostegno delle attività promosse dall’Accordo sulla Sicurezza negli edifici e la Prevenzione degli incendi

Primark è stato uno dei primi retailer internazionali a firmare l’Accordo, in seguito al crollo del Rana Plaza nel 2013. L’accordo, che ha valenza legale, richiede che le fabbriche siano soggette a ispezione e valutazione da parte di ingegneri per verificare l’integrità strutturale degli edifici. In seguito a tali ispezioni, i proprietari delle fabbriche hanno l’obbligo legale di attuare un piano correttivo per sanare eventuali aree segnalate entro un periodo di tempo concordato, per poter continuare a lavorare per le aziende firmatarie dell’Accordo.  

Come definito nell’Accordo, in qualità di “marchi leader”, le aziende di abbigliamento sono responsabili di affiancare tali fabbriche, per garantire lo svolgimento dei necessari lavori di risanamento. Primark è un “marchio leader” in oltre 30 fabbriche in Bangladesh e in quanto tale lavora a diretto contatto con i proprietari di fabbriche per favorire la realizzazione delle azioni correttive e fornire il supporto tecnico necessario, riferendone poi gli sviluppi all’Accordo e agli altri membri.

Un programma di integrità strutturale specifico creato da Primark

Dopo il crollo del Rana Plaza, Primark è intervenuta prontamente e in modo autonomo per verificare che tutti i suoi fornitori in Bangladesh agissero in tempi brevi per valutare l’integrità strutturale degli edifici ad uso industriale ed effettuasserole ristrutturazioni necessarie.

Sei settimane dopo la tragedia, Primark ha lanciato il suo programma di integrità strutturale, che prevedeva la valutazione di ciascuna fabbrica secondo standard internazionali. Nei casi che hanno richiesto un intervento, Primark ha lavorato direttamente con le fabbriche, congiuntamente a un team di ingegneri civili e strutturali provenienti dagli studi internazionali MCS e Mott MacDonald, per fornire assistenza e supporto tecnico.

Oggi, il programma di integrità strutturale dell’azienda è gestito dall’ingegnere strutturale preposto dalla stessa Primark, con il supporto continuativo del team Mott MacDonald. Le ispezioni in fabbrica volute da Primark sono molto approfondite e rigorose e interessano tutte le fabbriche che lavorano per Primark in Bangladesh. 

Gli ingegneri strutturali collaborano con  i gestori della fabbrica per rivedere i piani strutturali e i progetti esistenti, dopodiché conducono un’ispezione fisica dell’edificio, sia al suo interno che all’esterno, identificando qualsiasi situazione che possa rappresentare un problema – ivi comprese crepe evidenti, la dislocazione di colonne e altre strutture portanti, eventuali segnali di involontario sovraccarico, dovuto a modifiche alle strutture di immagazzinaggio temporaneo o all’installazione di macchinari tessili pesanti, quali macchine per il lavaggio o la colorazione, ai piani superiori.  Le ispezioni fisiche sono supportate da una serie di calcoli e test per verificare se ogni edificio sia adeguato all’uso. 

In seguito all’ispezione, gli ingegneri forniscono alle fabbriche informazioni tecniche specifiche e dettagliatesugli eventuali interventi da effettuare per soddisfare i requisiti di Primark. Il team di Primark lavora quindi direttamente con i proprietari delle fabbriche per fornire una consulenza sulle modifiche da effettuare. Se un fornitore non soddisfa i requisiti di Primark, l’azienda interrompe immediatamente l’acquisto dei prodotti.

Il lavoro svolto da Primark e dai suoi esperti in ambito di integrità strutturale continuerà ad avere un ruolo fondamentale nella collaborazione con i fornitori in Bangladesh.



Bello!

Hai aggiunto il primo articolo ai preferiti.
Puoi visualizzarli in qualsiasi momento facendo clic qui.

È il momento di aggiornarsi?

Primark.com supporta i browser più recenti, compresi Chrome, Firefox e Safari. Assicurati di aver scaricato la versione più recente per ottenere il meglio dal sito Primark.com