Primark estende il Sustainable Cotton Programme al secondo paese fornitore di cotone

21 Settembre 2018

  • Il primo anno Primark ha venduto 4,4 milioni di pigiami realizzati in cotone sostenibile
  • Il programma per tracciare il percorso del cotone sostenibile dall’agricoltore al negozio, verrà esteso ai produttori indipendenti in Pakistan
  • Entro il 2022 oltre 30.000 agricoltori1 saranno iscritti al programma per imparare i metodi di coltura sostenibile del cotone

Ad un anno dal lancio della prima gamma di prodotti, in cotone sostenibile proveniente dai coltivatori indipendenti del Gujarat (India del Nord), Primark sta espandendo il suo programma dedicato alla coltivazione sostenibile del cotone, in Pakistan, una delle principali nazioni fornitrici della materia prima.

Attualmente in Regno Unito un pigiama da donna su tre viene acquistato da Primark. Per questo motivo, lo scorso agosto, la società ha annunciato l’intenzione di introdurre l’utilizzo di cotone sostenibile in una delle linee di prodotto più popolari: i pigiami da donna, attraverso l’iniziativa Primark Cares. Dodici mesi dopo sono stati venduti 4,4 milioni di pigiami in cotone sostenibile, esaurendo gli stock rapidamente. Visto il successo di questa prima iniziativa, Primark ha, quindi, deciso di introdurre oltre 20 nuovi modelli tra cui scegliere.

Il prossimo passo del “Sustainable Cotton Programme” di Primark consiste nella collaborazione con gli esperti in agricoltura di CottonConnect e con l’ONG locale REEDS (società finalizzata allo sviluppo e promozione dell’educazione rurale e per lo sviluppo economico) per ampliare il progetto in Pakistan. Grazie all’iscrizione al programma di 20.000 nuovi coltivatori pakistani iscritti al programma, entro il 2022 oltre 30.000 agricoltori nei paesi coinvolti apprenderanno i metodi di agricoltura sostenibile.

Il Pakistan è già una fonte di approvvigionamento principale per Primark, grazie ai fertili terreni, che offrono una condizione favorevole per la crescita del cotone, la solida industria tessile presente sul territorio e le forti rotte commerciali verso altri mercati. Il successo del programma lanciato nel 2013 in Gujarat in India, che ha coinvolto fino ad ora più di 6.000 coltivatori di cotone indipendenti, ha prodotto per i coltivatori che hanno completato il percorso di formazione una crescita dei propri profitti pari a quasi il 200%. Facendo leva su questa esperienza, i coltivatori in Pakistan possono aspirare a miglioramenti dei propri introiti e del raccolto.

Il programma di cotone sostenibile di Primark è stato progettato per far apprendere ai piccoli proprietari terrieri metodi di coltura sostenibile. Gli agricoltori sono supportati da CottonConnect, che insegna metodi di coltivazione più appropriati per gli appezzamenti, a partire dalla scelta dei semi, la semina, il terreno, l’acqua fino all’utilizzo dei pesticidi, la raccolta, la qualità delle fibre, la valutazione e la conservazione del cotone raccolto. Procedendo, quindi, sin dall’inizio della filiera, tale partnership permette a Primark di tracciare il cotone in tutte le fasi dal raccolto al negozio.

Shahid Saleem, Executive Director di REEDS, ha affermato:
“Da 16 anni lavoriamo per migliorare le vite delle comunità rurali del Pakistan. È la prima volta che collaboriamo con un grande rivenditore di abbigliamento; lavorare con Primark e CottonConnect ci permetterà di offrire supporto a milioni di coltivatori e alle loro famiglie nelle regioni pakistane del Punjab e del Sindh”.

Alison Ward, CEO di CottonConnect, ha commentato:
“Siamo entusiasti di continuare il percorso di insegnamento dei metodi sostenibili ai coltivatori di cotone intrapreso con Primark. La comunità agricola pakistana ha un grande potenziale e non vediamo l’ora di collaborare con REEDS per sviluppare un programma pensato per i bisogni dei coltivatori di cotone locali.”

Katharine Stewart, Ethical Trade and Environmental Sustainability Director di Primark, sostiene:
“Siamo orgogliosi del programma Sustainable Cotton, e siamo lieti di poter mettere a frutto la nostra esperienza in India per aiutare e formare le comunità agricole in Pakistan. Abbiamo scelto di supportare le regioni di approvvigionamento dei nostri fornitori, in modo da incrementare rapidamente la quota di cotone sostenibile nella nostra filiera. L’espansione in Pakistan è la logica conseguenza per noi, in quanto ci muoviamo sempre più verso una filiera con cotone sostenibile al 100%”.

Paula Dumont Lopez, Trading Director di Primark, afferma:
“In Primark ci impegniamo quotidianamente per un futuro sostenibile per tutti e per il nostro business, quindi l’aver progettato i pigiami Primark Cares, prodotti con cotone sostenibile, è stato un momento molto emozionante per noi. Estendendo questo programma, non vediamo l’ora di utilizzare sempre più cotone sostenibile nelle nostre linee di abbigliamento e oggettistica per la casa”.

###

Primark Sustainable Cotton Programme
Il programma di cotone sostenibile di Primark è stato lanciato per la prima volta, nel 2013 in India – uno dei paesi fonte di maggior risorse per Primark. Grazie alla partnership con gli esperti del settore CottonConnect e Self-Employed Women’s Association (SEWA), Primark ha supportato le donne coltivatrici nello studio di metodi di agricoltura sostenibile, per aumentare i profitti e i raccolti dei coltivatori di cotone.

Fino ad ora più di 6.000 agricoltori hanno ricevuto e stanno ricevendo supporto attraverso il programma di Primark in India, con 20.000 recenti iscritti al programma in Pakistan. Il programma insegna agli agricoltori metodi di coltura sostenibile, in modo da minimizzare l’impatto ambientale a livello locale e migliorare la vita grazie a migliori ritorni economici. Agli agricoltori vengono insegnati i metodi di coltivazione più appropriati per le proprie terre, a partire dalla scelta dei semi, la semina, il terreno, l’acqua fino all’utilizzo dei pesticidi, la raccolta, la qualità delle fibre, la valutazione e la conservazione del cotone raccolto.

L’impatto del programma si manifesta nei risultati medi, provenienti dal primo gruppo di 1.251 agricoltori in India, i quali parteciparono al programma nel 2013-2016. In tre anni, il primo gruppo di coltivatrici ha visto

  • Un aumento medio di profitto di circa il 200% e una crescita nei raccolti di quasi il 10%
  • Una riduzione nei costi del 15,8% (ad esempio, riducendo l’utilizzo di pesticidi chimici e dei fertilizzanti, comprando collettivamente i semi, e riducendo i costi di manodopera aggiuntivi)
  • Una riduzione di utilizzo dei fertilizzanti chimici del 24,7 % e una del 50,3% dei pesticidi, dimostrando che fossero stati adottati dei metodi sostenibili a livello ambientale
  • Una diminuzione nell’utilizzo di acqua, grazie a pratiche di utilizzo sostenibile e efficiente dell’acqua

Primark
Primark è il primo rivenditore internazionale, che offre prodotti di qualità, dal design moderno e dai prezzi convenienti. Aiutiamo i nostri consumatori a trovare qualcosa di meraviglioso, qualsiasi sia l’età, il sesso, il background e la disponibilità economica. Primark è presente con 355 punti vendita in 11 Paesi: Irlanda, Gran Bretagna, Spagna, Portogallo, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Austria, Francia, Stati Uniti e Italia, con oltre 75.000 dipendenti.

Nonostante Primark non possieda le fabbriche di produzione, la selezione per coloro che vogliono collaborare con l’azienda è molto attenta. Infatti, tutti i fornitori devono soddisfare standard qualitativi internazionalmente riconosciuti e inseriti nel Codice di condotta di Primark. Per accedere alla lista di fornitori approvata da Primark, ogni azienda è sottoposta alla verifica dell’Ethical Trade and Environmental Sustainability Team, un gruppo di più di 100 esperti, con sede nei principali paesi fornitori, che monitorano la conformità al Codice. Primark è membro dell’organizzazione indipendente Ethical Trading Initiative (ETI) dal 2006 ricoprendo ruoli di leadership dal 2011. Il codice di condotta incorpora il Codice Base dell’ETI, che a sua volta è basato sugli standard dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), un organismo delle Nazioni Unite.

Primark Cares
L'iniziativa di Primark Cares è una dichiarazione chiara nei confronti di clienti, dipendenti, partner e fornitori, per confermare l’impegno di Primark nell’affrontare con serietà e dedizione le proprie responsabilità come rivenditore leader. Intende riaffermare l’intenzione di Primark ad investire in diverse iniziative finalizzate a supportare le persone che lavorano alla produzione dei nostri capi di abbigliamento e a preservare l'ambiente. I prodotti con etichette Primark Cares sono disponibili in un'ampia gamma di articoli e negozi. Per ulteriori informazioni, consulta le sezioni "Persone e Produzione" e "Pianeta" sul sito web primark.com/it/codice-etico

CottonConnect
CottonConnect nasce nel 2009 allo scopo di fornire un approccio guidato dal mercato che fornisca ai venditori al dettaglio, ai brand e ai coltivatori, la possibilità di aumentare le opportunità economiche, ridurre la povertà e proteggere l’ambiente. Per maggiori informazioni www.cottonconnect.org

Self- Employed Women’s Association (SEWA)
SEWA è un sindacato nato nel 1972 per le donne che lavorano in proprio. Per ulteriori informazioni, visitare www.sewa.org

Rural Education and Economic Development Society (REEDS)
La Rural Education and Economic Development Society (REEDS) è una ONG locale con 16 anni di esperienza a sostegno dello sviluppo delle comunità rurali emarginate in Pakistan. REEDS si concentra sul miglioramento delle competenze della comunità agricola, sulla gestione dei programmi di salute e immunizzazione, sulla promozione dell'educazione e sull'assistenza e la riabilitazione per le persone colpite dalla siccità e dalle inondazioni.


1 31.251 agricoltori in totale (20.000 in Pakistan e 11.251 in India)


Bello!

Hai aggiunto il primo articolo ai preferiti.
Puoi visualizzarli in qualsiasi momento facendo clic qui.

È il momento di aggiornarsi?

Primark.com supporta i browser più recenti, compresi Chrome, Firefox e Safari. Assicurati di aver scaricato la versione più recente per ottenere il meglio dal sito Primark.com