Primark rende pubblica la sua Mappa Globale dei Fornitori

07 Febbraio 2018

Un portavoce di Primark ha affermato: “Abbiamo reso pubbliche sul nostro sito le informazioni relative agli stabilimenti che producono beni e prodotti per Primark.

“A lungo abbiamo lavorato a stretto contatto con diversi partner del settore, condividendo informazioni circa i siti di produzione dei prodotti Primark. Ad esempio, abbiamo rivelato maggiori dettagli sui nostri fornitori e le loro fabbriche, ma anche sulla nostra catena di distribuzione. I nostri partner comprendono enti come l’Ethical Trading Initiative (ETI), ma anche organizzazioni per il controllo degli standard industriali; in particolare, il Better Work Programme dell’International Labour Organisation.

“Oggi le informazioni riguardanti gli stabilimenti dei nostri fornitori in tutti i 31 Paesi in cui Primark realizza i suoi prodotti sono disponibili sul nostro sito. Queste informazioni includono nomi delle fabbriche, indirizzi, numero dei lavoratori e divisione di genere all’interno della forza lavoro.

“La fabbrica viene registrata sulla mappa solo dopo aver realizzato prodotti per Primark per almeno un anno, e aver consolidato il proprio ruolo di fornitore. Durante il primo anno di collaborazione, la fabbrica deve dimostrare di poter mantenere gli standard etici richiesti da Primark, così come gli standard commerciali in aspetti quali la qualità e la puntualità delle consegne. Le fabbriche inserite nella mappa dei fornitori realizzano oltre il 95% dei prodotti destinati alla vendita nei negozi Primark.

“Primark finora non aveva mai rivelato informazioni sui siti produttivi dei propri fornitori, ritenendo che ciò potesse costituire per l’azienda un vantaggio commerciale. Considerando, però, che il 98% della fabbriche che producono per Primark lo fanno anche per altri brand,e guardando anche al numero di retailers che rendono pubbliche informazioni sui loro fornitori, abbiamo deciso di condividere le nostre informazioni.

“Primark non possiede alcuno stabilimento e chiede a tutti i suoi fornitori di sottoscrivere il suo Codice di Condotta, che si basa sugli standard stabiliti dall’International Labour Organisation, un organismo delle Nazioni Unite. L’Ethical Trade and Environmental Sustainability Team di Primark, composto da oltre 100 persone dislocate nei principali Paesi fornitori, controlla l’aderenza al Codice di Condotta. Il team, inoltre, si occupa anche di fornire aggiornamenti semestrali per la Global Sourcing Map di Primark”.

For maggiori informazioni, visitare il sito www.primark.com

Ulteriori informazioni sul Better Work Programme dell’International Labour Organisation sono disponibili alla pagina: http://www.ilo.org/global/programmes-and-projects/WCMS_084616/lang--de/index.htm

Primark

Primark ha aperto il suo primo negozio nel 1969 a Dublino e oggi conta oltre 350 punti vendita, distribuiti in Gran Bretagna, Irlanda, Europa e Stati Uniti.

Come per molti altri brand della moda che operano nel commercio al dettaglio, gli abiti Primark sono realizzati in Paesi come Bangladesh, India, Pakistan e Cina. Primark ha stilato un rigoroso codice di condotta per garantire il rispetto dei diritti della forza lavoro nelle fabbriche da cui si rifornisce.L’Ethical Trade and Environmental Sustainability team è composto da oltre 100 persone che lavorano all’interno della catena di distribuzione di Primark per assicurarsi che gli standard vengano rispettati. Oltre a condurre più di 3000 ispezioni all’anno per controllare che i lavoratori siano trattati conformemente al Codice, Primark è membro dell’Ethical Trading Initiative dal 2006 e ha ottenuto lo status di “Leadership” nel 2011, collocandosi nel 5% dei migliori brand.

Primark, inoltre, collabora con partner locali per la realizzazione e lo sviluppo di progetti e iniziative pensati per supportare coloro che realizzano i prodotti. Ad esempio, Primark collabora con Business for Social Responsibility, un programma di HERHealth pensato per garantire istruzione e assistenza sanitaria alle donne nei Paesi emergenti. Il programma prevede la selezione, da ogni fabbrica, di un gruppo di donne che lavoreranno come Peer Health Educators, e che grazie all’istruzione e alla formazione ricevute durante le ore di lavoro potranno a loro volta istruire le altre lavoratrici. Attraverso il programma di HERHealth sono state formate più di 900 donne tra Bangladesh, Cina, India e Birmania, che hanno così raggiunto più di 25.000 lavoratrici.

Bello!

Hai aggiunto il primo articolo ai preferiti.
Puoi visualizzarli in qualsiasi momento facendo clic qui.

È il momento di aggiornarsi?

Primark.com supporta i browser più recenti, compresi Chrome, Firefox e Safari. Assicurati di aver scaricato la versione più recente per ottenere il meglio dal sito Primark.com